News

L’UE sanziona pesantemente la Turchia

L’UE sanziona pesantemente la Turchia

L’Unione europea ridurrà la sua assistenza finanziaria alla Turchia e si fermerà i colloqui ad alto livello con il paese come parte di una serie di sanzioni da petrolio e gas di perforazione al largo della costa di Cipro.

UE riunione dei ministri degli Esteri a Bruxelles il Lunedi ha deciso di ridurre l’assistenza di preadesione alla Turchia nel 2020 per 145,8 milioni di euro. Hanno inoltre sospeso i negoziati sull’accordo sull’aviazione e bloccato i colloqui bilaterali ad alto livello tra i due paesi.

Infine, hanno invitato la Banca europea per gli investimenti, un istituto di credito non-profit della UE a rivedere le sue operazioni di prestito in Turchia, pari a 358,8 milioni di euro dello scorso anno.

Il Consiglio ha nuovamente esortato la Turchia ad astenersi da attività di perforazione al largo della costa cipriota e al suo posto, “agire in uno spirito di buon vicinato e di rispettare la sovranità e sovrani diritti di Cipro, in conformità con il diritto internazionale” .

In una dichiarazione rilasciata Martedì, i ministri degli esteri della Turchia ha detto che le sanzioni UE “non pregiudica in alcun modo la determinazione della Turchia di proseguire le sue attività di idrocarburi nel Mediterraneo orientale”. “Queste misure dimostrano che l’UE è superstiziosa sulla questione di Cipro, in quanto non fa alcun riferimento ai turco-ciprioti, che hanno uguali diritti sulle risorse naturali dell’isola”, dice la nota. (Euronews)