News

I paesi più amichevoli in Europa non investono abbastanza nei loro figli

I paesi più amichevoli in Europa non investono abbastanza nei loro figli

L’Europa ha alcuni dei paesi più amichevoli alla famiglia nel mondo. Nel tempo, quasi tutti i bambini europei avranno accesso a una forma di educazione e cura della prima infanzia.

Ma nonostante questi paesi abbiano più vantaggi, questi paesi non sono ancora riusciti a investire abbastanza nei loro bambini più piccoli.

Accettando ciò, nel 2017 l’UE ha adottato un documento che descrive una serie di tralicci per i diritti sociali, tra cui quello che tutti i bambini hanno diritto all’istruzione e all’assistenza precoci e un’assistenza sanitaria accessibile a prezzi accessibili.

Eppure un nuovo rapporto scritto dalla Commissione europea mostra che il 66% dei bambini europei sotto i tre anni non ha accesso all’istruzione e alle cure per la prima infanzia.

Il rapporto ha raccolto dati da 38 paesi europei, inclusi tutti gli stati membri dell’UE e altri 10 paesi europei.

Mostra che solo otto paesi – Danimarca, Germania, Estonia, Lettonia, Slovenia, Finlandia, Svezia e Norvegia – garantiscono un posto nei programmi di educazione della prima infanzia finanziati dal pubblico e programmi di assistenza per l’infanzia che vanno da sei a 18 mesi, circa il tempo in cui termina in genere il congedo parentale.

La metà dei paesi inizia a offrire questo per i bambini a partire dall’età di tre anni e quasi tutti lo offrono all’età di quattro anni.

Poiché la maggior parte dei genitori lavora a tempo pieno, gli educatori qualificati possono interferire aiutandoli a sviluppare le competenze necessarie per avere successo. Tuttavia, il rapporto rileva che programmi di assistenza all’infanzia di “buona qualità” per meno di tre anni non sono ancora disponibili in molti paesi europei.

C’è un grande dibattito su cosa significhi “buona qualità” in relazione allo sviluppo della prima infanzia, il rapporto lo definisce “un chiaro contenuto educativo per tutti i bambini fornito da personale qualificato e supportato politiche sostenibili “